Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

PUBBLICAZIONI E CELEBRAZIONI DI MATRIMONI

 

PUBBLICAZIONI E CELEBRAZIONI DI MATRIMONI

Matrimonio da celebrarsi nei Paesi Bassi

Si premette che in Olanda è possibile contrarre matrimonio soltanto qualora uno dei futuri sposi è residente nei Paesi Bassi oppure è cittadino olandese.
I documenti generalmente richiesti da parte del Comune olandese per entrambi i futuri sposi sono i seguenti:

  • Il documento d’identità valido;
  • La copia integrale o l’estratto internazionale dell’atto di nascita;
  • L’estratto dell’Anagrafe (cittadinanza, stato libero e residenza) (uittreksel basisadministratie voor huwelijksdoeleinden), rilasciato per uso matrimonio dal Comune olandese di residenza.

Casi particolari:

  • Per i vedovi: la copia integrale o l’estratto internazionale dell’atto di morte del precedente coniuge;
  • Per i divorziati: la copia integrale o l’estratto internazionale dell’atto di matrimonio precedente con l’annotazione del divorzio, nonché la copia integrale dell’iscrizione della sentenza di divorzio (echtscheidingsakte);
  • Per chi è residente in Italia, oppure è stato precedentemente residente in Italia: il certificato contestuale (cittadinanza, stato libero e residenza), rilasciato dal Comune di (ultima) residenza in Italia;
  • Per i cittadini che non sono in possesso della cittadinanza olandese: la capacità matrimoniale (verklaring van huwelijksbevoegdheid), rilasciata dalla propria autorità consolare in Olanda.

Tutti i documenti devono essere di recente datazione (massimo 6 mesi). Gli atti non olandesi devono essere legalizzati con postilla (eccetto per esempio gli atti di stato civile italiani) e tradotti da traduttore giurato. Si avvisa che la legge olandese attribuisce ampia facoltà all'ufficiale dello stato civile olandese di chiedere ogni documentazione necessaria per comprovare lo stato libero delle persone. Si consiglia pertanto di chiedere ulteriori informazioni al proprio Comune olandese di residenza.

Procedura per il rilascio della capacità matrimoniale a cittadini italiani.
Per ottenere la capacità matrimoniale (verklaring van huwelijksbevoegdheid), gli interessati di cittadinanza italiana devono presentarsi negli uffici del Consolato Generale, previo appuntamento, con documento di riconoscimento (passaporto o carta d'identità), per rendere la dichiarazione sostitutiva per richiedere il rilascio della capacità matrimoniale.
Dopo il ricevimento della dichiarazione, si procederà alla verifica di quanto dichiarato. Il Consolato Generale, provvederà d'ufficio ad accertare quanto dichiarato, richiedendo in ogni caso la copia integrale dell'atto di nascita in Italia ed eventuali altri certificati ai Comuni competenti. Per accelerare i tempi, è preferibile che gli interessati portino in visione tutti i documenti richiesti dal Comune olandese per entrambi, in particolare il certificato contestuale olandese (uittreksel basisadministratie persoonsgegevens met vermelding van nationaliteit, burgerlijke staat en adres, voor huwelijksdoeleinden).
Dopo aver proceduto alla verifica di quanto dichiarato il Consolato Generale rilascerà il certificato di capacità matrimoniale. I costi ammontano a euro 6.15 ( daversare sul c/cpresso ABN/AMRO n55.91.59.773) .

Note:

  • La sentenza di divorzio straniera non è considerata automaticamente valida in Italia. Bisogna chiederne il riconoscimento in Italia. Si prega di contattare l'Ufficio di stato civile di questo Consolato;
  • Le donne vedove/divorziate non possono contrarre matrimonio, se non dopo 300 giorni dalla data di scioglimento del matrimonio per morte del marito o per divorzio;
  • Si ricorda che il regime patrimoniale dei coniugi è quello della comunione, a meno che gli sposi non decidano per la separazione dei beni. Si fa presente che la comunione dei beni olandese è diversa da quella italiana. Consultatevi con un notaio.

Matrimonio da celebrarsi in Italia

Si premette che in Italia è possibile contrarre matrimonio anche se i futuri sposi non sono residenti in Italia. Per celebrare matrimonio in Italia, è necessario che i cittadini italiani residenti nei Paesi Bassi facciano richiesta di pubblicazione di matrimonio presso questo Consolato Generale. Gli stranieri si devono rivolgere alle proprie autorità per chiedere il nullaosta. I documenti generalmente richiesti sono i seguenti, a seconda della propria situazione personale:

  • Entrambi gli sposi di cittadinanza italiana: Devono presentarsi negli uffici del Consolato Generale, previo appuntamento, con documenti di riconoscimento (passaporto o carta d'identità), per redigere il verbale di richiesta di pubblicazione di matrimonio;
  • Uno degli sposi di cittadinanza straniera: Devono presentarsi negli uffici del Consolato Generale, previo appuntamento, con documenti di riconoscimento (passaporto o carta d'identità), per redigere il verbale di richiesta di pubblicazione di matrimonio.

Il cittadino straniero inoltre deve essere in possesso di:

  • Se olandese: Dell'estratto internazionale dell'atto di nascita, nonché del certificato di capacità matrimoniale (verklaring van huwelijksbevoegdheid) rilasciato dal Comune olandese di residenza;
  • Se di altra cittadinanza: Dell'estratto internazionale dell'atto di nascita (o l’atto di nascita debitamente legalizzato e tradotto), nonché del certificato di capacità matrimoniale o del nulla osta al matrimonio rilasciato dal competente Consolato nei Paesi Bassi o in Italia;
  • Entrambi gli sposi di cittadinanza straniera: Devono rivolgersi alla propria autorità diplomatica consolare in Italia per chiedere il nullaosta al matrimonio e poi devono contattare il Comune italiano di loro scelta per la richiesta di celebrazione di matrimonio. Ad esempio gli olandesi si possono rivolgere all'Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Italia, indirizzo: via Michele Mercati, 6 – 00197 Roma, telefono: 00-39-06-3221141

Procedura per la richiesta di pubblicazione di matrimonio.
Dopo la redazione del verbale di pubblicazione di matrimonio, si procederà alla verifica di quanto dichiarato nell'apposito verbale. Il Consolato Generale, provvederà d'ufficio ad accertare quanto dichiarato, richiedendo eventuali certificati ai Comuni competenti. Per accelerare i tempi, è preferibile che gli interessati portino in visione tutti i certificati già in loro possesso.
In seguito, il Consolato Generale provvederà all'affissione dell'atto di pubblicazione di matrimonio all'albo consolare per i cittadini italiani residenti nei Paesi Bassi, e richiederà di procedere alla pubblicazione di matrimonio al Comune italiano per i cittadini italiani residenti in Italia.
Dopo aver proceduto alla pubblicazione del matrimonio (otto giorni consecutivi), decorsi i termini previsti (altri quattro giorni), e dopo aver ricevuto l'eventuale certificato di avvenuta pubblicazione dal Comune italiano, il Consolato Generale richiederà ai sensi dell'articolo 109 del C.C. all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune italiano scelto dagli sposi, di voler procedere alla celebrazione del matrimonio.
I costi ammontano a euro 10,00 diritti consolari e euro 14,62 quale imposta di bollo dovuta per ogni luogo dove verranno eseguite le pubblicazioni ( da pagare con il PIN allo sportello0 Cosnolare ).

Note:

  • La sentenza di divorzio straniera non è considerata automaticamente valida in Italia. Bisogna chiederne il riconoscimento in Italia. Si prega di contattare l'Ufficio di stato civile di questo Consolato;
  • Le donne vedove/divorziate non possono contrarre matrimonio, se non dopo 300 giorni dalla data di scioglimento del matrimonio per morte del marito o per divorzio;
  • Si ricorda che il regime patrimoniale dei coniugi è quello della comunione, a meno che gli sposi non decidano per la separazione dei beni. Si fa presente che la comunione dei beni olandese è diversa da quella italiana. Consultatevi con un notaio.

228