Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

VIII Giornata del Design Italiano Amsterdam, 13 marzo 2024.

La Giornata del Design italiano nel mondo è la rassegna tematica annuale lanciata nel 2017 dal Ministero per gli Affari Esteri e per la Cooperazione Internazionale, in collaborazione e con il sostegno del Ministero della Cultura. Consiste in un ampio programma di eventi promozionali in tutto il mondo, realizzati dalla rete delle Ambasciate, dei Consolati, degli Istituti Italiani di Cultura e degli Uffici ICE all’estero: ogni anno, per questa occasione, oltre cento testimonial si fanno narratori del design e della creatività del Paese. L’Italian Design Day si è affermato come un efficace strumento di sostegno alla promozione del design e all’internazionalizzazione di un comparto industriale strategico per l’export italiano.

Il tema della VIII giornata è “Fabbricare valore – inclusività, innovazione e sostenibilità” , ponendo l’accento sul processo produttivo, che porta alla creazione di oggetti di disegno industriale “belli” da un punto di vista estetico, ma anche di elevato valore “materiale”, come risultato di materie prime di qualità e di processi di fabbricazione che uniscono alla tradizione e artigianalità le più moderne tecniche in termini tecnologici e di sostenibilità ambientale, ribadendo così il primato manifatturiero e produttivo italiano. Inoltre si intende inviare un messaggio di “inclusione”: l’oggetto di design italiano non vuole infatti indirizzarsi a una nicchia di clienti ma, piuttosto, essere destinato a un pubblico vasto di acquirenti consapevoli.

Nel corso delle sette edizioni passate (2017-2023), l’Italian Design Day ha visto la realizzazione di circa 1.370 eventi con il coinvolgimento di oltre 580 tra designer, architetti, imprenditori, accademici e giornalisti specializzati, che hanno promosso l’innovazione, l’industria e il “saper fare” italiani, confrontandosi con la comunità creativa, accademica e d’affari dei Paesi ospiti.

Testimonial di quest’anno sono le professoresse:

 

e

  • Giulia Calabretta Associate Professor of Strategic Value of Design Director of Education ;  Faculty of Industrial Design Engineering  ;  TU Delft – Delft University of Technology

 

Titolo dell’evento: Design Next

The world is in a crisis. The challenges are many and intricate, ranging from climate change and surveillance capitalism to algorithmic discrimination and the rise of a post-truth society.

Designers typically aspire to drive positive transformation, yet what if the conventional understanding of design inadvertently contributes to the issues we aim to address? What if the very nature of design, as currently conceived, is a part of the problem rather than a solution?

This contemplation prompts us to reassess design approaches and methodologies, encouraging exploration of alternative paths that better align with principles of sustainability and inclusivity in a deeply interconnected world that can no longer be designed just for humans.

Leading the discussion are Professors Elisa Giaccardi, from Politecnico di Milano in Italy and Giulia Calabretta from Delft University of Technology, who will delve into the exploration of new design concepts and potential professional roles.

Join them as they discuss the evolving landscape of design and its role in addressing contemporary global challenges, moderated by

TU Delft DDW curator Wing Man.

The event will be opened by H.E. Giorgio Novello, Ambassador of Italy to the Kingdom of the Netherlands

Prima di iniziare l’Ambasciatore Giorgio Novello consegnerà l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia agli architetti Alessandra Covini e Giovanni Bellotti, testimonials della VII edizione del Design Day 2023.

Alessandra Covini e Giovanni Bellotti sono soci co-fondatori dello Studio Ossidiana con sede a Rotterdam, pluripremiato studio di architettura e design che opera con un team internazionale di architetti, designer e ricercatori coinvolto a livello locale e globale con progetti nei Paesi Bassi, Italia, Svezia, Turchia e Stati Uniti.

Lo Studio Ossidiana, che spazia tra l’architettura e il design progettando spazi, oggetti, allestimenti e installazioni, nel 2018 ha vinto il Prix de Rome, il premio più antico riservato ai progettisti sotto i 35 anni di età dei Paesi Bassi, e nel 2021 ha realizzato l’ “Art Pavillon M”, il primo museo per arte multimediale e Land Art ad Almere (Paesi Bassi) all’interno di Floriade  esposizione internazionale di giardinaggio che si tiene ogni dieci anni nei Paesi Bassi.