Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

CIE (carta identita' elettronica)

 

CIE (carta identita' elettronica)

 

CARTA IDENTITA' ELETTRONICA

C.I.E.

carta identit elettronica

 

1. La Carta d’identità Elettronica (CIE) potrà essere rilasciata esclusivamente ai cittadini italiani regolarmente residenti nella circoscrizione consolare dell’Ambasciata d’Italia – L’Aja, che siano registrati nello schedario consolare ed i cui dati anagrafici siano presenti, corretti e aggiornati nell’A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) del Comune in Italia.

ATTENZIONE: Per l'emissione della CIE è necessario essere in possesso del codice fiscale validato. In mancanza, prima della richiesta dell’appuntamento per il rilascio della CIE tramite il sistema PRENOTA ONLINE , si dovrà richiedere il Codice Fiscale a questa Cancelleria Consolare previa consultazione del link:   https://amblaja.esteri.it/ambasciata_laja/it/informazioni_e_servizi/servizi_consolari/codice-fiscale.html 

2. Validità temporale

La validità della CIE varia a seconda dell'età del titolare:

  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

3. Modalità di richiesta

La richiesta di un appuntamento per richiedere il rilascio di una CIE deve essere presentata utilizzando la piattaforma Prenota Online

Dal momento della richiesta alla data fissata per l’appuntamento trascorrono almeno 15 giorni, necessari per consentire all’ufficio consolare di effettuare i dovuti controlli d’ufficio, effettuare eventuali rettifiche anagrafiche e verificare che non sussistano cause ostative al rilascio del documento.

Si ribadisce che l’iscrizione in A.I.R.E. è indispensabile ai fini della presentazione della domanda di emissione della CIE. È altresì indispensabile, per i cittadini italiani nati all’estero, che il relativo atto di nascita risulti già trascritto nei registri di Stato Civile del Comune di riferimento in Italia.

4. Come si prende un appuntamento sulla piattaforma Prenota on line?

Se si è un utente già registrato sulla piattaforma Prenota on line, si dovrà cliccare sulla casella "login utente già registrato" ed immettere le proprie credenziali:

User name: indirizzo email

Password: quella inserita al momento della registrazione.

Si accederà così alla pagina dei servizi e si potrà selezionare quello per la Carta di Identità. A questo punto sarà necessario inserire i dati richiesti (il portale richiede di inserire numero figli minori, l’altezza, il colore degli occhi, dichiarare se si sono lette le istruzioni e se si è iscritti all’Aire) e accedere al calendario degli appuntamenti disponibili.

ATTENZIONE:

  • se l'utente è già registrato sulla piattaforma Prenota on line, ma presso un'altra Autorità Consolare, prima di procedere con la richiesta di appuntamento dovrà effettuare il “Cambio Sede”, selezionando l’apposito comando “cambia sede” presente sulla prima pagina a sinistra, una volta effettuato l’accesso col proprio account.
  • Se si è un nuovo utente si dovrà prima procedere alla registrazione sul portale PRENOTA ONLINE, cliccando su “Registrazione nuovo utente”. Una volta completata la registrazione, si dovrà accedere nuovamente al sistema di prenotazione e, inserendo le proprie credenziali, si potrà fare ingresso alla pagina dei servizi offerti e procedere ad una prenotazione.
  • In caso di un minore sarà necessario creare un account individuale per ciascun figlio/a con un indirizzo email che non sia in uso per un altro account.

5. Appuntamento e documentazione da presentare:

All’appuntamento il cittadino dovrà presentarsi con i seguenti documenti:

n. 1 fototessera, in formato cartaceo dello stesso tipo di quelle utilizzate per il passaporto conforme agli standard ICAO

documento di riconoscimento. Se non in possesso, il richiedente dovrà presentarsi accompagnato da due testimoni, nel caso di minore, da entrambi i genitori;

atto di assenso dell’altro genitore

nel caso in cui il richiedente abbia figli minori di 18 anni (a prescindere dallo stato civile del richiedente: celibe/nubile, coniugato, separato o divorziato);

atto di assenso

di entrambi genitori nel caso in cui il richiedente sia un minore di 18 anni.

Si ricorda che, in caso che l'altro genitore non sia cittadino dell'Unione Europea, la sua firma dovrà essere autenticata personalmente presso la Cancelleria Consolare.

Se un genitore è impossibilitato ad ottenere il necessario Atto di Assenso e qualora il minore sia residente in questa Circoscrizione Consolare, il richiedente può presentare apposita istanza su Modulo dell'Istanza al Giudice Tutelare  , leggendo attentamente tutte le istruzioni, al Capo di questa Cancelleria Consolare che, in veste di Giudice Tutelare, può eccezionalmente avviare apposita istruttoria ed a seguito di opportune indagini autorizzare il rilascio della carta d’identità tramite Decreto Consolare. Nell’istanza al Giudice Tutelare, il richiedente dovrà indicare chiaramente i motivi del mancato assenso da parte dell’altro genitore al rilascio del documento e le ragioni per cui il rifiuto viene eventualmente ritenuto pretestuoso o ingiustificato. L’Istanza deve, inoltre, contenere informazioni dettagliate e documentate circa gli obblighi imposti alla responsabilità genitoriale, all'affidamento del minore ed indicare l'ultimo indirizzo, i recapiti telefonici e di e-mail del genitore non consenziente.

Questa procedura di volontaria giurisdizione è da considerarsi di natura straordinaria e può essere contemplata solo in caso di assoluta e comprovata impossibilità, da parte del richiedente, ad ottenere l'Atto di Assenso previsto dalla legge. Per la valutazione dell’Istanza al Giudice tutelare saranno presi in attenta considerazione sia gli aspetti sociali, psicologici, educativi oltre alla copertura sanitaria e al mantenimento del minore. L’autorità consolare, in fase istruttoria, potrà richiedere prove documentali supplementari a verifica delle dichiarazioni ricevute. Tale procedura, di natura eccezionale e giudiziaria, comporta il versamento dei previsti oneri consolari.

Nel caso che i figli minorenni risiedano in altra Circoscrizione Consolare o in Italia, l'istanza dovrà essere rivolta al Console o al Tribunale dei Minorenni del luogo di residenza dei minori stessi. In caso di decesso di uno dei genitori è necessario presentare il certificato internazionale di morte in copia originale. Se il decesso è avvenuto fuori dell’UE, a tale certificato andrà unita la traduzione legalizzata in italiano.

6. Costo

Il costo del documento è di:

  • 21,95 euro complessivi, in caso di primo rilascio o rinnovo;
  • 27,11 euro complessivi in caso di duplicato per furto o smarrimento.

Il pagamento dovrà essere effettuato il giorno dell’appuntamento solo con bancomat appartenente a circuito Maestro (non si accettano carte di credito) a cui si aggiungono €0,06 di spese dell’operazione.

7. Consegna della carta d'identità

La CIE viene stampata e poi recapitata a mezzo posta raccomandata presso l’indirizzo di residenza del connazionale a cura dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, entro 15 giorni dalla data della richiesta alla Cancelleria Consolare. Pertanto è di fondamentale importanza che il proprio indirizzo sia stato aggiornato nell’applicativo FAST IT Si ricorda che ogni cittadino italiano ha l’obbligo per Legge di tenere sempre e tempestivamente aggiornati i propri dati presso questa anagrafe consolare. Il Comune olandese non è tenuto a comunicare variazioni di Stato Civile e di residenza a questa Ambasciata o ai Comuni in Italia.

Per gli aggiornamenti dei propri dati e recapiti utilizzare l’applicativo FAST IT 

 

8. Smarrimento/furto/deterioramento della carta d’identità

In caso di smarrimento o di furto della carta d’identità, il connazionale dovrà presentare denuncia presso le Autorità di Polizia locali.

In caso di deterioramento della carta d’identità, il connazionale potrà presentare richiesta di nuova emissione.

9. Impossibilità ad apporre le impronte digitali/firma

L'obbligo delle impronte digitali nella carta d’identità elettronica è disposto dalla normativa europea, in particolare dal Regolamento (CE) n.2252 del 2004 (come modificato dal Regolamento (CE) n.444/2009), che ne ha fissato l'entrata in vigore dal 29 giugno 2009. L'esenzione dalla rilevazione delle impronte digitali è possibile solo in caso di:

  • patologia o impedimento fisico permanente opportunamente documentati (es.: certificazione medica rilasciata da un'autorità sanitaria locale, struttura ospedaliera, ecc.)
  • menomazione o malformazione fisica evidente (certificazione medica non necessaria).
  • È prevista l'esenzione dall'apposizione della firma per:
  • gli analfabeti
  • chi ha grave impossibilità fisica.

 


383