Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

FAQ Passaporti

Domande Frequenti


Informazioni Appuntamenti


– Devo fare il passaporto. Ho bisogno di un appuntamento?

Sì, sempre! Per rendere efficiente il servizio, la Sede riceve SOLO su appuntamento tramite prenot@mi.

– Che numero devo chiamare per fare un appuntamento?

L’appuntamento si fissa SOLO tramite prenot@mi.

– Cos’è il sistema di prenotazione prenot@mi?

Prenot@mi è il sistema di prenotazione di servizi consolari automatizzato e gestito dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale con cui l’utente fissa gratuitamente un appuntamento con l’Ufficio Passaporti della Cancelleria Consolare a L’Aja.

– Devo prenotare un appuntamento per mio/a figlio/a minorenne. Bisogna creare un account anche per lui/lei?

No! Il genitore dovrà effettuare una prenotazione a proprio nome, scegliendo l’opzione “APPUNTAMENTI MULTIPLI” e specificare, nelle NOTE, che la richiesta è per un/una minore inserendo i dati anagrafici completi.

– Devo confermare/cancellare il mio appuntamento che appare “da confermare”?

Si! L’appuntamento è in agenda e non decade. Deve essere sempre confermato. Se impossibilitati a venire, va cancellato al più presto per dare spazio ad altri utenti. L’Ufficio Passaporti può cancellare d’ufficio gli appuntamenti che non siano stati confermati dall’Utente entro i tre giorni prima dell’appuntamento.

– Come confermo il mio appuntamento?

Solo tra i 10 e i 3 giorni prima dell’appuntamento prenot@mi rende visibile il simbolo di conferma, su cui cliccare. La conferma dell’appuntamento è di sola responsabilità dell’utente. Il sistema invia anche un’email di promemoria. Si consiglia di controllare la posta in arrivo e le cartelle “posta indesiderata” o “spam”.

– Come cancello il mio appuntamento?

L’appuntamento si crea e si cancella accedendo al proprio account prenot@mi  tramite l’apposita opzione.

– Utilizzavo prenot@mi in un altro Paese ma non riesco a fissare un appuntamento col mio account qui. Cosa devo fare?

Se proveniente da altra Sede e già titolare di un account: provvedere alla modifica scegliendo l’opzione “Cambia Sede” tramite il sito web che ha generato il precedente account e selezionare, in alto a sinistra, “L’Aja” come Sede. In caso di difficoltà rivolgersi esclusivamente all’Ufficio Passaporti della Sede nella quale il suo account è registrato. Questa Sede gestisce esclusivamente gli accessi dei propri registrati e NON quelli di altre Sedi.

 Devo fare un appuntamento ma tutto è occupato. Come faccio?

Il sistema rende disponibili gli appuntamenti in uno spazio di 14 settimane. Solo i giorni rossi sono occupati. Qualora non fossero disponibili giorni verdi o arancioni, ma solo rossi (occupati) o neri (non disponibili), ciò NON significa un malfunzionamento del sistema. Sarà necessario attendere che si liberino dei posti o che siano disponibili nuove date nei giorni successivi. Il sistema mette a disposizione nuove date solo ogni lunedì, martedì, mercoledì e venerdì. In caso di cancellazione di un appuntamento, il sistema rende subito disponibile il posto libero.

– Devo viaggiare urgentemente per motivi di lavoro o di salute

In casi di inderogabile urgenza, per motivi lavorativi o di salute, da comprovare attraverso idonea documentazione, e’ possibile richiedere il passaporto usufruendo di procedura d’urgenza, dietro pagamento di una tassa aggiuntiva di 50 euro. L’urgenza e relativa documentazione potra’ essere segnalata a denhaag.passaporti@esteri.it.

Per il rilascio del passaporto al cittadino che abbia figli minori è necessario l’assenso dell’altro genitore?
No. A partire dal 14 giugno 2023 per il cittadino genitore di figli minori non è più necessario  presentare l’atto di assenso dell’altro genitore ai fini del rilascio del proprio documento d’identità (passaporto e CIE), ai sensi del Decreto Legge 69/2023.

Nello specifico il novellato articolo 3-bis della Legge 1185/1967 indica che, quando vi è concreto e attuale pericolo che a causa del trasferimento all’estero questo possa sottrarsi all’adempimento dei suoi obblighi verso i figli, sarà possibile per l’altro genitore richiedere una inibitoria al rilascio del documento. L’istanza potrà essere presentata presso il giudice competente presso il Tribunale ordinario in cui il minore ha la residenza abituale ovvero, se il minore è residente all’estero, il Tribunale nel cui circondario si trova il suo Comune di iscrizione AIRE.

Pertanto il genitore che richiede il rilascio del documento dichiara di non aver ricevuto alcun provvedimento di inibitoria al rilascio del passaporto/carta d’identità


Passaporto per Minori


 Cos’è l’Atto d’Assenso per il passaporto ad un minore?

È una dichiarazione, contenuta nella domanda di passaporto che viene sottoscritta da entrambi i genitori. Attraverso la stessa, i genitori autorizzano il minore ad avere un proprio passaporto – ovvero concedono all’altro genitore di poter viaggiare anche da solo con il minore. L’Atto d’Assenso è indispensabile al rilascio del passaporto indipendentemente dalla nazionalità, dal legame che unisce i genitori (convivenza, matrimonio, separazione, divorzio), o dai rapporti intercorrenti tra loro. È necessario ad ogni nuova richiesta di passaporto.

– Non ottengo l’assenso dall’altro genitore al passaporto del minore. Come faccio?

Se un genitore non firma l’Atto di Assenso e qualora il minore sia residente in questa Circoscrizione Consolare, il richiedente può presentare istanza su Modulo dell’Istanza al Giudice Tutelare (trova qui) al Capo di questa Cancelleria Consolare che, in veste di Giudice Tutelare, può eccezionalmente avviare apposita istruttoria ed a seguito di opportune indagini autorizzare il rilascio del passaporto o di altro documento di viaggio tramite Decreto Consolare. Nell’istanza al Giudice Tutelare il richiedente dovrà indicare chiaramente i motivi del mancato assenso da parte dell’altro genitore al rilascio del passaporto e le ragioni per cui il rifiuto viene eventualmente ritenuto pretestuoso o ingiustificato. L’Istanza deve inoltre contenere informazioni dettagliate e documentate circa gli obblighi imposti alla responsabilità genitoriale, all’affidamento del minore, ed indicare l’ultimo indirizzo ed i recapiti telefonici e di e-mail del genitore non consenziente.

Questa procedura di volontaria giurisdizione è da considerarsi di natura straordinaria e può essere contemplata solo in caso di assoluta e comprovata impossibilità, da parte del richiedente, ad ottenere l’Atto di Assenso previsto dalla legge. Per la valutazione dell’Istanza al Giudice tutelare saranno presi in attenta considerazione sia gli aspetti sociali, psicologici, educativi oltre alla copertura sanitaria e al mantenimento del minore. L’autorità consolare, in fase istruttoria, potrà richiedere prove documentali supplementari a verifica delle dichiarazioni ricevute. Tale procedura, di natura eccezionale e giudiziaria, comporta il versamento dei previsti oneri consolari. N.B.: Nel caso che i figli minorenni risiedano in altra Circoscrizione Consolare o in Italia, l’istanza dovrà essere rivolta al Console o al Tribunale dei Minorenni del luogo di residenza dei minori stessi. In caso di decesso di uno dei genitori è necessario presentare il certificato internazionale di morte in copia originale. Se il decesso è avvenuto fuori dell’UE, a tale certificato andrà unita la traduzione legalizzata in italiano (vedi Stato Civile).

– Cos’è un Decreto consolare?

Il Decreto consolare è l’atto con il quale il Capo della Cancelleria Consolare, in qualità di Giudice tutelare, può, eccezionalmente ed in via straordinaria, autorizzare il rilascio del passaporto al minore che non ottenga l’assenso da parte dell’altro genitore. Può essere utilizzato solo in caso di assoluta e accertata impossibilità dell’interessato ad ottenere l’assenso previsto dalla legge.

– Il genitore cittadino non dell’UE non può essere presente. Come devo fare?

Il cittadino di uno Stato non membro dell’UE può firmare solo alla presenza del funzionario Consolare, anche in qualsiasi altro Paese del mondo dove siano presenti gli Uffici di una Rappresentanza Diplomatica Italiana (vedi rete diplomatica all’estero) in mancanza dei quali il genitore dovrà firmare presso altra pubblica Autorità autorizzata a tale compito (Notaio, Ufficio di Polizia, Funzionario Comunale).

– Posso venire senza mio/a figlio/a e presentare la sua richiesta di passaporto?

No. La presentazione della richiesta di passaporto avviene solo ed esclusivamente in presenza del minore presso la Cancelleria Consolare.

– Richiedo il primo passaporto del minore. Ci sono delle particolarità?

In caso di primo passaporto italiano, per i figli nati all’estero – e solo qualora non si fosse già provveduto in precedenza – inviare con largo anticipo all’Ufficio Stato Civile di questa Sede, prima dell’appuntamento di richiesta del passaporto, i documenti per effettuare la dovuta trascrizione in Italia. Il passaporto del minore di 14 anni conterrà anche i dati dei genitori.


Informazioni per i Minori


– Ha un minore sempre bisogno del proprio passaporto per viaggiare?

Sì! Come i maggiorenni, anche i minori devono essere muniti di documento di viaggio individuale.

– Può un minore viaggiare da solo?

Sì, solo se ha già compiuto 14 anni, mentre in caso di età inferiore, l’uso del passaporto è subordinato alla condizione che viaggi accompagnato da un genitore, o da chi ne fa le veci, o dal personale di un ente o compagnia di trasporto a cui viene affidato dai genitori dietro il rilascio di apposita dichiarazione di accompagnamento vistata da questa Sede. Si consiglia di accertarsi con la compagnia aerea se occorre un’autorizzazione firmata dai genitori.

– Come ottengo una Dichiarazione di Accompagnamento?

Per autorizzare il minore di 14 anni a recarsi all’estero è necessario presentare:

– Dichiarazione di Accompagnamento (trova qui) debitamente compilata e firmata

– i documenti d’identità dei genitori o di chi ne fa le veci

– il passaporto del minore

– il documento d’identità della persona a cui il minore verrà affidato.

– Nel caso di personale di Ente o di personale di compagnia di trasporto, sarà sufficiente indicare la Compagnia aerea.

* Nel caso di genitori entrambi cittadini italiani o dell’UE: la richiesta di Dichiarazione di Accompagnamento opportunamente firmata e corredata da tutti i documenti indicati può essere spedita per email. Nel termine di 10 giorni dal ricevimento della richiesta completa questo Ufficio invierà per posta la Dichiarazione di Accompagnamento all’indirizzo del richiedente.

* Nel caso un genitore non sia cittadino dell’UE: lo stesso deve presentarsi personalmente alla Cancelleria Consolare per firmare la richiesta e ritirare la Dichiarazione di Accompagnamento preparata da questo Ufficio. In questo caso, per presentare la richiesta è necessario fissare un appuntamento tramite prenot@mi scegliendo l’opzione “passaporti” ed inserendo nel riquadro “note” l’indicazione “Dichiarazione di Accompagnamento”.

Il termine di validità della dichiarazione di accompagnamento – comprese data di partenza e rientro – è di massimo 6 mesi ed è valida per un solo viaggio (andata e/o ritorno).


Caratteristiche del Passaporto


– Che cos’è il passaporto biometrico?

Dal 26 ottobre 2006 il passaporto biometrico ha sostituito i precedenti modelli. Vengono utilizzate tecnologie di stampa anticontraffazione e un microprocessore che contiene le impronte digitali del titolare e i dati dell’autorità rilasciante il passaporto.

– Devo fare le foto per il passaporto: che caratteristiche devono avere?

Le foto devono essere: identiche, recenti (fatte da non oltre 6 mesi), frontali, a colori, sfondo bianco, formato tessera e conformi agli standard internazionali ICAONon è possibile fare le foto presso la Cancelleria Consolare.

 A chi chiedo il passaporto?

I cittadini italiani nei Paesi Bassi possono richiedere il passaporto presso questa Sede. Per il rilascio del passaporto è necessario fissare un appuntamento tramite prenot@mi.

 Come presento la richiesta di passaporto?

La domanda di passaporto deve essere presentata personalmente, solo su appuntamento fissato tramite prenot@mi, agli sportelli di questa Sede. È sempre richiesta la presenza fisica allo sportello del genitore del minore che non sia cittadino dell’UE.

 Quanto tempo ci vuole al rilascio del passaporto?

Per gli iscritti AIRE presso questa Sede: il passaporto è rilasciato il giorno dell’appuntamento se:

(1) la documentazione presentata è completa

(2) non ci siano cause ostative (pendenze penali o fiscali) che sono rilevabili soltanto al momento della presentazione della domanda allo sportello

(3) non intervengano cause tecniche o di forza maggiore al momento della verifica telematica allo sportello.

– Quanto costa il passaporto?

E116,00 – a cui si aggiungono euro 0,06 di spese per la transazione con PINpas. È prevista, in caso di dichiarata e certificata emergenza, la spesa aggiuntiva di Euro 50,00 per il diritto d’urgenza.

– Come pago il costo del passaporto?

È preferibile il pagamento tramite carta bancaria di debito (PINpas o bancomat).

– Quanto tempo è valido il passaporto?

Il passaporto biometrico è valido per:

  • 3 anni – per i minori da 0 a 2 anni di età
  • 5 anni – per i minori dai 3 fino ai 17 anni di età
  • 10 anni – per i maggiorenni.

 Il mio passaporto sta per scadere. Da quando posso richiederne uno nuovo?

Dal febbraio 2013, non è più possibile rinnovare il passaporto scaduto. Ne viene rilasciato un nuovo. È possibile presentare richiesta di passaporto soltanto a partire da 6 mesi alla scadenza del documento.

– Non posso depositare le impronte digitali / la firma. Come faccio?

L’obbligo delle impronte digitali nel passaporto è disposto dalla normativa europea, in particolare dal Regolamento (CE) n.2252 del 2004 (come modificato dal Regolamento (CE) n.444/2009), che ne ha fissato l’entrata in vigore dal 29 giugno 2009. L’esenzione dalla rilevazione delle impronte digitali è possibile solo in caso di:

  • patologia o impedimento fisico permanente opportunamente documentati (es.: certificazione medica rilasciata da un’autorità sanitaria locale, struttura ospedaliera, ecc.)
  • menomazione o malformazione fisica evidente (certificazione medica non necessaria).

È prevista l‘esenzione dall’apposizione della firma per:

  • gli analfabeti
  • chi ha grave e certificata impossibilità fisica.

Informazioni sui Viaggi


– Quali documenti di viaggio italiani sono accettati nei Paesi Bassi?

Consultare il sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale: www.viaggiaresicuri.it

 Per viaggiare nell’area Schengen quale documento di viaggio è necessario?

Nell’Area di libera circolazione Schengen* è sufficiente la Carta d’Identità valida.

*Paesi appartenenti all’Area Schengen: Austria, Belgio, Città del Vaticano, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Rep. Ceca, San Marino, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria.

N.B.: la libera circolazione non è ancora entrata in vigore in Bulgaria, Cipro, Croazia e Romania. Irlanda e Regno Unito non hanno mai aderito all’Area Schengen.

 Quale documento occorre per viaggiare in Paesi Extra UE? È necessario il Visto?

Consultare il sito www.viaggiaresicuri.it  del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Contattare le Autorità consolari del Paese di destinazione per ogni informazione sui documenti necessari, la validità, i visti o il regolamento relativo all’ingresso e al soggiorno.

– Quali documenti di viaggio sono necessari per recarsi nel Regno Unito?

Consultare il sito www.viaggiaresicuri.it  del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Per ogni utile informazione contattare le competenti Autorità Consolari britanniche.

– Quali documenti di viaggio sono necessari per recarsi nel negli USA?

Il passaporto biometrico facilita l’ingresso negli Stati Uniti. Per maggiori informazioni consultare il sito www.viaggiaresicuri.it  o dell’Ambasciata USA nei Paesi Bassi. Contattare le Autorità Consolari statunitensi per le informazioni relative ai tempi di validità del passaporto, Visto di Ingresso ed altre informazioni o regole sull’ingresso ed il soggiorno.

– Il visto di ingresso sul vecchio passaporto sarà valido anche sul nuovo documento?

Contattare le Autorità Consolari straniere emittenti il Visto di Ingresso.

– Il mio passaporto è valido solo per i Paesi dell’UE. Come faccio a viaggiare al di fuori dell’UE?

Si rende necessario richiedere un passaporto valido per tutti i Paesi del mondo fissando un appuntamento tramite prenot@mi.


Residenza


 Vivo nei Paesi Bassi. Come faccio a far stampare la nuova residenza sul passaporto?

Solo in caso di avvenuta conferma di iscrizione dal Comune AIRE italiano, è possibile richiedere l’inserimento della nuova residenza presentandosi in questa Sede, senza appuntamento e negli orari di apertura al pubblico, muniti del passaporto.

– Posso richiedere il rilascio del mio passaporto in Italia?

Gli italiani nei Paesi Bassi, iscritti all’AIRE, possono sempre richiedere il rilascio del passaporto presso le competenti Autorità italiane che chiederanno la delega al rilascio a questa Sede competente per residenza.

– Ho dimenticato in Italia il mio passaporto. Cosa devo fare?

Per emettere un nuovo passaporto è indispensabile presentare il precedente documento che dovrà essere annullato.

– Non risiedo nei Paesi Bassi. Ho bisogno del passaporto. Posso chiederlo qui?

Solo in caso di emergenze/urgenze comprovate e documentate, si può richiedere il rilascio del passaporto, anche se non si è residenti/iscritti AIRE in questa Sede. In tal caso questa Cancelleria Consolare dovrà attendere l’autorizzazione, da parte dell’Ufficio competente per residenza, al rilascio del nuovo documento. I tempi di attesa dipenderanno dai predetti Uffici e non sono prevedibili. Nella richiesta via e-mail  (denhaag.passaporti@esteri.it) si dovrà indicare:

– ragioni della richiesta (documentare i dettagli dell’emergenze/urgenze)

– cognome, nome, luogo e data di nascita, indirizzo completo di ultima residenza in Italia o all’estero

– numero, data d’emissione, scadenza ed ente rilasciante ultimo passaporto/carta d’identità (se conosciuti e se in possesso allegarne copia).


Furti / Smarrimenti / Emergenze / Urgenze


– Sono residente nei Paesi Bassi e ho smarrito/subito il furto del mio passaporto. Ci sono delle particolarità?

La procedura di richiesta del nuovo passaporto è identica alla regolare richiesta di passaporto. Il giorno dell’appuntamento, fissato tramite prenot@mi, oltre alla prevista documentazione per il rilascio del passaporto, presentarsi muniti di denuncia di smarrimento/furto rilasciata dalle Autorità di Polizia.

– Non risiedo nei Paesi Bassi. Ho smarrito/subito il furto del mio passaporto. Cosa devo fare?

Se non si è residenti nei Paesi Bassi e si vuole fare rientro immediato in Italia o nel Paese di residenza, leggere la pagina Documenti di Viaggio di Emergenza.

– Cosa devo fare in caso di smarrimento o furto del passaporto in viaggio?

Si raccomanda sempre di conservare una copia cartacea/elettronica del proprio documento identificativo per facilitare l’emissione di un nuovo documento di viaggio in caso di furto o smarrimento del passaporto. Sarà necessario presentare la denuncia di smarrimento/furto delle Autorità di Polizia dei Paesi Bassi e, senza appuntamento negli orari di apertura al pubblico, presentarsi all’Ufficio Passaporti muniti della prevista documentazione descritta nella sezione Documento di Viaggio di Emergenza per fare rientro esclusivamente nel Paese di residenza UE, oppure in Italia.

– Ho il passaporto danneggiato/deteriorato. Cosa devo fare?

Il passaporto deteriorato o danneggiato deve essere annullato da questa Sede che ne rilascia uno nuovo. Prenda un appuntamento tramite prenot@mi.

– Posso chiedere con urgenza il rilascio del mio passaporto in Italia?

È possibile richiedere il passaporto in Italia all’Autorità competente al rilascio. Per gli iscritti all’AIRE nei Paesi Bassi che richiedano il rilascio di un nuovo passaporto fuori dai Paesi Bassi, l’Autorità competente richiederà a questa Sede il nulla osta e la delega all’emissione del passaporto (questa procedura d’ufficio non richiede il coinvolgimento attivo da parte del richiedente).

– Mio figlio è appena nato. Ha urgente bisogno di un passaporto. Come faccio?

Leggere con attenzione le informazioni riguardanti la trascrizione della nascita (vedi Stato Civile e le istruzioni sul rilascio del passaporto al minorenne)